Relazione del Presidente 2007

L’anno appena concluso ha visto una Remiera Canottieri Cannaregio sempre più numerosa e dinamica.

Ampiamente superata la quota di 250 soci (di cui quasi un terzo under 16), la vocazione agonistica della società ha potuto trovare sfogo in ben 37 regate intersocietarie (alcune anche fuori della laguna, come quelle di Marano, Treviso e Barcis) e 18 regate comunali (tra uomini, donne e giovanissimi) .

In totale gli atleti neroverdi hanno realizzato 273 presenze nelle regate intersociali e 58 presenze nelle regate comunali. Ben 12 le presenze nella sola Storica, con la vittoria per il secondo anno consecutivo tra i giovanissimi del nostro Alessandro Pompeo.

Il Galeone veneziano del Palio delle Repubbliche ha trionfato sulle acque di casa condotto al timone dal nostro socio Marino Almansi; del “team” faceva parte anche un’altro nostro socio, Sebastiano Centasso.

Motivo di orgoglio hanno costituito anche le regate organizzate dalla società tra le quali spiccano:

· la regata delle donne neroverdi, riservata alle socie non professioniste, che, dato il successo, diventerà un appuntamento annuale fisso;

· la regata delle pantegane, riservata agli under 15 delle società di punta San Giobbe, giunta alla sua seconda edizione;

· la regata Campioni dei gondolini – Giovanissimi che ha dimostrato come i grandi regatanti siano prima di tutto anche dei grandi sportivi e che ha dato una eccezionale soddisfazione e carica ai nostri giovani atleti.

L’attività nel campo della voga alla Veneta si è allargata anche all’insegnamento.

In particolare sono stati organizzati due corsi permanenti, di durata annuale, uno per i giovanissimi under 12 con ritrovo ogni venerdì (curato da Sandra Tognatti coadiuvata da Natale Bertolini), ed uno per giovani under 15 (curato da Marino Almansi) con ritrovo ogni martedì e venerdì.

Due giovani frequentatori proprio di questo corso, Christian De Spirt ed Antonio Convilli hanno esordito nelle regate comunali conquistando un brillantissimo quarto posto a Pellestrina.

Sotto il profilo organizzativo l’impegno più gravoso è stato quello di avviare alla voga una cinquantina di allievi della scuola media Marco Foscarini: grazie all’iniziativa della nostra socia professoressa Elisabetta Martini, e grazie anche al Comune che per l’occasione ci ha prestato tre caorline, per quasi due interi mesi con le sole nostre forze siamo riusciti nell’intento fino a far disputare agli allievi, tutti rigorosamente in maglia neroverde, una agguerritissima regata di fine corso: un ringraziamento particolare agli istruttori Gino Rosa, Marta Signorelli, Gianni De Petris e Claudio Scarpa.

La palestra, di proprietà della società, è stata gestita come di consueto con rara competenza e dedizione da Roberto Barbato, coadiuvato da Gianni De Petris. L’efficienza dei macchinari e la ospitalità dell’ambiente hanno aumentato a dismisura il numero dei frequentatori rendendo necessaria un’opera straordinaria ed incessante di manutenzione e controllo.

Il settore canoa ha risentito di un momento di stasi, anche se le uscite sono state numerose sia con i Kajak da diporto che con quelli olimpici.

Nella Vela al Terzo i nostri colori sono stati rappresentati in numerose regate da Nicola Calella e Giorgio D’Erme.

Ad agosto, come tutte le società che si rispettano, la Cannaregio ha istituito un proprio sito internet per consentire anche ai soci che non frequentano assiduamente il cantiere di essere sempre aggiornati sulle iniziative, sui programmi e sui risultati della società.

Il successo dell’iniziativa è testimoniato dalle 2.300 visite verificatesi dal mese di agosto fino alla fine dell’anno.

Nella seconda metà del 2007 inoltre si è concretizzata una forma di collaborazione con la ditta di abbigliamento “Queen of Casablanca” del nostro socio Roberto Fagarazzi, che ha consentito la sottoscrizione di un accordo biennale di sponsorizzazione il cui ricavato verrà prevalentemente destinato all’ampliamento del parco barche.

E già fine anno è arrivata la prima nuova imbarcazione: una caorlina da regata uguale a quelle della “muta” comunale, realizzata per noi dal cantiere Crea.

Attualmente la società è in grado di mettere in acqua contemporaneamente 173 persone, di cui 63 nei Kajak sociali, 64 nelle imbarcazioni alla veneta sociali e 54 nelle imbarcazioni alla veneta messe a disposizione dai soci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.